Contenuto principale

BES

 

NORMATIVA: la Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012

e le Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013

individuano alunni con

Bisogni Educativi Speciali

 

CHI SONO: alunni che presentano difficoltà evolutiva del funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo e/o apprenditivo e che necessita di educazione speciale individualizzata

  • alunni disabili

  • DSA

  • alunni svantaggiati sotto l'aspetto linguistico e/o culturale come gli stranieri o a livelli economico e/o sociale.

COME SI INDIVIDUANO: attraverso una certificazione clinica o diagnosi, segnalazione degli enti competenti e attraverso considerazioni pedagogiche e didattiche del Consiglio di classe o team dei docenti.

 

COSA FARE: in accordo con la famiglia gli insegnanti predispongono un PDP= Piano Didattico Personalizzato che contenga:

  • una progettazione educativa e didattica calibrata sulle esigenze dell'alunno;

  • strategie compensative e dispensative;

  • i criteri di valutazione.

LA SCUOLA: predispone il GLI (Gruppo di Lavoro per l'Inclusione) che rilevi i BES presenti nell'Istituto, raccolga e coordini gli interventi didattico-educativi e faccia un monitoraggio del livello di inclusività della scuola da inserire nel PAI (Piano Annuale per l'Inclusione).

Oltre alla didattica verranno promossi eventi che favoriscano l'inclusione, la partecipazione di tutti gli alunni dell'Istituto Comprensivo: progetti curricolari ed extra curriculari, feste, mostra del libro, concerti, cineforum.

 

La Funzione strumentale Paola Brogi